Volterra, la città dell’alabastro

Volterra, la città dell’alabastro

Volterra è una graziosa città in provincia di Pisa, non lontana da Firenze, Siena ed il litorale costiero, particolarmente conosciuta per le sue origini etrusche e per i numerosi reperti archeologici appartenenti a quest’epoca.

Oggi, Volterra è una destinazione molto gettonata in Toscana, sia per i suoi prodotti tipici, sia per la sua conformazione urbanistica che ricorda le sue origini etrusche; si può ancora visitare buona parte della cinta muraria costruita nel IV° secolo AC e due delle porte di accesso alla città, Porta Diana e Porta dell’Arco, così come la vecchia Acropoli che ospita diversi edifici e le fondamenta di due anichi templi. Vi sono anche molte tracce del dominio romano tuttora visitabili, come l’affascinante teatro romano, costruito su un pendio della collina che ricorda naturalmente la forma di un anfiteatro; riportato alla luce solo recentemente, intorno agli anni 50, si suppone sia stato costruito verso il primo secolo AC. Di epoca più recente, la Fortezza Medicea merita senz’altro una visita: la sua Rocca Nuova fu costruita su volere dello stesso Lorenzo il Magnifico ed oggi ospita al suo interno un carcere di massima sicurezza, i cui detenuti partecipano ad un progetto di riabilitazione che li ha coinvolti nella gestione di un ristorante, dove vengono organizzate – con successo – diverse iniziative.

Tra i numerosi luoghi interessanti da visitare a Volterra vi è senz’altro la Cattedrale Romanica – così come l’antistante Battistero di San Giovanni – dove sono preservate opere d’arte di valore inestimabile, realizzate da artisti come Andrea della Robbia, Mino da Fiesole e Benozzo Gozzoli, quest’ultimo autore di un affresco rappresentante i Re Magi. Non di inferior fascino sono la Piazza ed il Palazzo dei Priori, costruito nel 13° secolo e la Pinacoteca, ospitata all’interno del Palazzo Minucci Solaini. Nella Pinacoteca – o Museo Civico di Volterra – sono conservate importanti opere d’arte, tra le quali quella che vanta maggior fama è la Deposizione di Rosso Fiorentino; vicino alla Pinacoteca si trova, infine, un altro museo che dovreste visitare, il Museo dell’Alabastro, che ospita oltre 300 opere d’arte in alabastro, appunto, realizzate tra il 18° ed il 19° secolo.

Passeggiate per le vie del centro storico e lasciatevi trasportare dalla magia senza tempo che avvolge la città; assaggiatene i prodotti tipici e curiosate all’interno delle caratteristiche botteghe artigiane, dove troverete molte idee di souvenir del vostro viaggio in Toscana, specialmente tra i meravigliosi oggetti in alabastro, per cui si può dire che Volterra sia famosa in tutto il mondo.

Case con piscina in Toscana | Florence Country Residence